24 marzo – riapre il Museo Martina

colonnello Domenico Paolo Martina

Sabato 24 marzo 2012 ha riaperto a Monforte d’Alba il Museo Civico Colonnello Martina, inaugurato lo scorso 12 novembre e situato nel palazzo omonimo in Piazza Umberto I. Il territorio di Monforte deve molto a questo personaggio poiché egli coltivò molteplici interessi di tipo naturalistico, musicale, letterario e agricolo che lo portarono a creare una scuola di agraria e a costruire alcune collezioni in parte giunte sino a noi e qui esposte.

Il percorso museale, ospitato nella cornice architettonica dello storico palazzo Martina, ripercorre in sei sale la vita, le vicende e gli interessi di Paolo Domenico Martina, figura militare di rilievo durante il Risorgimento. Nato a Cravanzana nel 1820, seguì una lunga e brillante carriera militare che gli consentì di viaggiare e di dedicarsi, soprattutto nella seconda parte della sua longeva vita, alle sue passioni: la musica e la composizione, la pittura ad acquerello, le collezioni naturalistiche. Il suo interesse più grande era però verso l‘agricoltura ed il suo territorio tanto che destinò la sua eredità all’istituzione di una scuola di agraria che ebbe vita a Monforte tra il 1927 ed il 1954.

Apertura, tariffe, prenotazioni

Nel 2012 il museo resterà aperto per la stagione primaverile ed estiva (marzo – settembre) durante i fine settimana e nei giorni festivi dalle ore 12,00 alle ore 19,00.

Il costo del biglietto è di 3 €, gratuito per gli over 65, gli under 15, i disabili e gli accompagnatori. Per i gruppi superiori a 15 persone il costo del biglietto è 1 € a persona. E’ possibile effettuare visite guidate su prenotazione al costo di 4€ a persona, in lingua italiana, francese, inglese. Durata visita 45 minuti.

Per informazioni e prenotazioni:

www.ambientecultura.it sezione “Prenota”

info@ambientecultura.it

 

Dal centro di Monforte in cui è situato il museo si diparte il sistema dei sette sentieri che permettono agli appassionati di natura di godere delle bellezze paesaggistiche e naturalistiche del territorio.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *