Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
Data - 11/01/2020
11:00

Luogo di ritrovo
Cantina sperimentale della Scuola Enologica di Alba

Categoria No Categorie


 Sabato 11 gennaio, alle ore 11:00 si terrà una visita guidata gratuita alla mostra “Italia o Enotria: la vigna del Risorgimento, allestita presso la Cantina sperimentale della Scuola enologica “Umberto I” di Alba.

La visita guidata è offerta in  occasione della giornata della Scuola Aperta, in cui le aule e i locali della Scuola Enologica saranno visitabili per le preiscrizioni al futuro anno scolastico.

L’esposizione si propone di presentare gli intrecci tra storia enoica e risorgimentale nel XIX secolo (per maggiori info sulla mostra clicca qui)ed è stata curata dall’associazione Ambiente & Cultura – Alba Sotterranea e promossa dal Centro studi sul paesaggio culturale di Langhe e Roero in collaborazione con l’Istituto Enologico “Umberto I”.

 

In occasione del 5^ anniversario dell’inserimento dei paesaggi vitivinicoli di Langhe-Roero e Monferrato nella lista del Patrimonio mondiale dell’Umanità dell’UNESCO, la mostra itinerante “Italia o Enotria: la vigna del Risorgimento” è ospitata nei locali della Cantina Sperimentale della Scuola Enologica di Alba, istituita nel 1881 da Umberto I Re d’Italia e voluta da Michele Coppino, albese divenuto Ministro dell’Istruzione.

Italia o Enotria

La vite e il vino da sempre definiscono l’identità italiana in maniera fondamentale: basti pensare che il destino di questo abbraccio è inscritto nell’origine stessa della parola Italia.

Narrano gli antichi Greci che, in un lontano passato mitologico, Italo fosse il re degli Enotri e che fosse stato il primo ad insegnare al proprio popolo l’arte della vite e del vino; gli Enotri allora smisero di vagare e scelsero una terra fertile in cui risiedere: gli antichi Greci dunque presero a chiamare Italia o Enotria questa terra che corrisponde all’odierna Calabria Meridionale.

Il termine “Enotrio” ha una comune radice col vocabolo greco “oinos” (vino) ed era indicativo del sia popolo che del territorio, da subito ricco di vigneti.

La vigna del Risorgimento

Non è casuale che la storia del vino italiano nell’800 sia indivisibile da quella nazionale: da un inizio secolo che vede la vitivinicoltura italiana raramente in grado di produrre vini all’altezza dei molti vitigni che prosperavano nella penisola alla fine dello stesso secolo quando, assieme all’unità nazionale, è compiuto anche il risorgimento dei vini italiani. La mostra è articolata in tre piccole sezioni:

I vini dei Patrioti

esplora il connubio tra le biografie dei protagonisti risorgimentali con la storia del vino: Garibaldi sotto il sole nella sua vigna a Caprera, un Cavour meditabondo in cantina, Carlo Alberto e Vittorio Emanuele II che acquistano tenute e vigneti…e molti altri ancora.

Le viti del Regno

Esamina le dure difficoltà e i tre flagelli della vite che il giovane regno d’Italia dovette affrontare nel campo della viticoltura e i provvedimenti che adottò per porvi rimedio.

Il vino del Re

celebra la storia del vigneto Nebbiolo e del vino Barolo, ovvero del vitigno e del vino che più di ogni altri intrecciarono il proprio destino con la vita di Camillo Benso conte di Cavour e le vicende della dinastia dei Savoia Re d’Italia.

 

La prenotazione non è obbligatoria, ma è gradita e consigliata e si può effettuare compilando il modulo sottostante

Prenotazione - eventi & itinerari

ATTENZIONE: SE NON SI VIENE INDIRIZZATI SULLA PAGINA DI RINGRAZIAMENTO LA PRENOTAZIONE NON E' ANDATA A BUON FINE. Compila questo modulo per prenotare un evento.
  • I tuoi dati

  • Inserire il proprio nome e cognome in forma estesa e completa. Si comunica che a partire da venerdì 6 agosto è necessario essere in possesso del green pass. Il certificato è richiesto per i maggiori di anni 12. Per maggiori info: https://www.dgc.gov.it/web/
  • Es. numero di ingressi omaggio, eventuali soglie (under, over...)
  • Indicare ad esempio la presenza di un alunno disabile o altre eventualità specifiche.
    Vuoi essere aggiornato sulle nostre proposte e sui nostri eventi, attività didattiche e progetti? Vuoi conoscere i risultati delle nostre attività istituzionali rivolte ai beni culturali e ambientali? Iscriviti alla nostra Newsletter. Inviamo una mail al mese con tutte le novità ed è comunque possibile disiscriversi in qualunque momento.
    Il trattamento dei dati forniti è finalizzato all'espletamento del servizio richiesto (eventi culturali, mondo della scuola, proposte itinerari). I dati non saranno comunicati e/o diffusi a terzi dalla nostra associazione. Il conferimento dei dati è facoltativo ma necessario per l'espletamento del servizio. La conservazione dei dati sarà effettuata dal titolare fino a revoca del servizio da parte dell'interessato o fino a conclusione del servizio stesso. L'interessato ha diritto di accesso ai dati, alla loro rettifica, cancellazione e limitazione al trattamento per motivi legittimi e che per l'esercizio di tali diritti ci si potrà rivolgere a info@ambientecultura.it.
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.