Palazzo Govone Caratti: nei sotterranei il mosaico di una domus signorile di Alba Pompeia!

palazzo govone 2L’area archeologica di palazzo Govone Caratti, tappa n° 10 del percorso archeologico cittadino, offre una piacevole sorpresa a chi volesse visitarla: infatti facendosi guidare dalle parole di chi accompagna è possibile ritrovarsi in una lussuosa domus del I secolo d.C.

Le prime date in cui sarà possibile effettuare la visita al sito sono il 23 agosto e il 27 settembre 

Ciò che rimane di questa abitazione sono tre ambienti particolari che ci fanno rivivere i momenti più importanti della vita domestica in epoca romana: il cubiculum, assimilabile alla nostra camera da letto, il triclinio, una delle stanze più importanti della casa in quanto spazio di rappresentanza e infine una vano presumibilmente dotato di ipocausto, un particolare sistema di riscaldamento.

Quello che colpisce di questa area sono le testimonianze archeologiche che ci permettono di cogliere la ricchezza delle decorazioni. Di notevole importanza è il ritrovamento di parte di una pavimentazione del triclinio decorata a mosaico. Tale decorazione si rivela di particolare pregio in quanto il motivo decorativo non era ancora stato documentato ad Alba Pompeia fino al 2007, anno in cui sono partiti gli scavi proprio presso questo palazzo.

piazza marconiLa porzione di mosaico rimasta riporta un motivo a scacchiera con tessere bianche e nere e questo accostamento di colori non risulta nuovo agli archeologici che hanno indagato le vestigia della città antica albese. Agli inizi degli anni ’90 del secolo scorso, infatti, durante gli scavi in piazza Marconi, è stato riportato alla luce un prezioso mosaico il cui motivo decorativo giocava ancora su questa bicromia. Dal momento che il pavimento della domus di piazza Marconi non è accessibile al pubblico, ancora più importante è il ritrovamento del mosaico di palazzo Govone Caratti e l’inserimento di questa area archeologica all’interno degli itinerari di Alba Sotterranea. Le prime date in cui sarà possibile effettuare la visita al sito sono il 23 agosto e il 27 settembre 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *