Visite al Cantiere Aperto – il Giardino di Archeologia sperimentale

L'area del Giardino di archeologia sperimentale vista dall'alto

L’area del Giardino di archeologia sperimentale vista dall’alto

Sono finalmente entrate nel vivo le attività del progetto triennale NUOVI PERCORDI DENTRO E FUORI IL MUSEO. Questo è il nome del progetto presentato dal comune di Alba all’interno del Bando Valorizzazione promosso dalla fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo e che vede la nostra associazione Ambiente & Cultura coinvolta in qualità di partner e soggetto co-finanziatore (per un quarto delle risorse proprie richieste).

Il progetto è risultato tra i tre vincitori nella sezione GIACIMENTI CULTURALI, le novità di interesse per gli istituti scolastici sono concentrate nei primi due anni di attività e prevedono la risistemazione del piccolo parco urbano prospiciente il sito del Complesso delle Antiche Mura, appena allestito con i disegni a grandezza naturale dei Summi Viri romani e l’esperimento della “ricolorazione” della copia del busto dell’imperatore Romano Pertinace (come è noto le statue dell’antichità erano dipinte e vivacemente colorate).

Il piccolo parco urbano andrà ad ospitare un’Aula Verde Outdoor didattica, punto ideale per le escursioni geo-naturalistiche al vicino Parco Tanaro, di un Giardino di Archeologia Sperimentale, con la ricostruzione di una Capanna neolitica simile a quella ritrovata in Corso Langhe 65 e zone di lavoro del villaggio preistorico e di uno Scavo Simulato attrezzato, che renderà possibile la simulazione accurata e reale di una vera e propria campagna di indagine archeologica. Il tutto troverà spazio nel piccolo parco cittadino compreso tra Via Balbo e Corso Nino Bixio (adiacente alla Scuola Media Vida e all’IISS Piera Cillario).

Fasi di realizzazione della capanna - impianto del primo palo

Fasi di realizzazione della capanna – impianto del primo palo

Fasi di realizzazione della capanna – impianto dei pali portanti

Fasi di realizzazione della capanna - impianto dei pali radiali

Fasi di realizzazione della capanna – impianto dei pali radiali

 

 

 

 

 

 

L’inizio delle attività di preparazione e allestimento del sito era in un primo momento previsto per l’inizio del 2016, ma una serie di impegni burocratici non hanno permesso l’avvio delle operazioni che ad agosto 2016. Nondimeno le principali strutture (capanna e scavo simulato) saranno ultimate entro l’autunno. Il termine dei lavori con la piena fruibilità del sito è previsto tra il 15 ottobre e il 2 novembre.

La zona sarà fruibile ancora prima del termine conclusivo dei lavori tramite l’attività Cantiere Aperto:

Alla visita del Cantiere Aperto sono state destinate 3 mattinate: martedì 4, venerdì 7 e martedì 11 ottobre in cui i docenti potranno venire -su prenotazione – con la propria classe, così da far conoscere agli alunni il luogo e il progetto del Giardino di Archeologia sperimentale, vedendolo nelle sue fasi di realizzazione.
Per ogni data sono disponibili tre orari di visita: alle 9.00, alle 10.00 e alle 11.00.

L’attività è gratuita ma per ogni orario la visita al cantiere è possibile per un massimo di due classi (dura circa 40 minuti).

L’ingresso per raggiungere il giardino di archeologia sperimentale sarà quello della scuola media Vida e dell’IISS Piera Cillario (da via Cesare Balbo n.8, scendere le scale per raggiungere il giardino che dà su corso N. Bixio)

Per prenotare utilizza il modulo sottostante

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *