anfiteatro

Il borgo Coliseum, sviluppatosi dal ‘700 sopra l’antico anfiteatro di Pollenzo

L’anfiteatro di Pollenzo, frazione del comune di Bra, in epoca romana nota come Pollentia, costituisce sicuramente l’edificio più noto dell’antica città romana e costituisce l’anfiteatro più grande, tra quelli noti, delle antiche città romane del Piemonte.

Di forma ellissoidale, era l’edificio in cui, anticamente, si tenevano i combattimenti gladiatori e le cacce di bestie feroci e, forse, anche naumachie.

Come a Lucca e a Venafro (vicino ad Isernia), l’antico edificio romano, una volta abbandonato in età tardoantica, è stato riutilizzato come base per la costruzione di edifici più recenti, probabilmente del ‘700, che hanno seguito l’andamento ellittico delle strutture dell’anfiteatro. Per questa ragione, il borgo che nacque sopra l’antico anfiteatro di Pollenzo è chiamato nelle fonti Coliseum o Colosseo ed è, tuttora, abitato.

La cavea (le tribune), che all’esterno si presentava scandita in alcuni ordini di arcate, era sostenuta da terrapieni e l’arena, di cui si sa pochissimo, era stata scavata nel terreno. All’interno le tribune erano suddivise in quattro anelli, delimitati da robusti muri.

Le decorazioni, che dovevano essere abbondanti, sono andate perse: come per il caso del tempio romano di Alba, eventuale tappa dei tours di Alba Sotterranea, anche qui siamo alle prese con un edificio anticamente sontuoso ma che, nel tempo, è stato privato delle decorazioni che, nei primi secoli della nostra era, dovevano sicuramente adornarlo.

Per maggiori informazioni sull’anfiteatro di Pollenzo clicca qui.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.