Una delle sale del museo

Fondato nel 1898, il museo civico di Cherasco ospita la collezione dell’ecclesiastico Giovan Battista Adriani, cui è dedicato: nato a Cherasco nel 1823, divenne storico presso i Savoia, per cui raccolse, tra le altre cose, materiale archeologico di provenienza locale.

A partire dal 1908 (nei dieci anni precedenti, la collezione è infatti esposta presso la casa dello stesso Adriani), cornice dell’esposizione museale sono 8 sale del seicentesco palazzo Gotti di Saleranno. Le prime due ospitano i reperti archeologici, alcuni risalenti all’Età del Bronzo (II millennio a.C.); altri- provenienti dal territorio cheraschese e dai siti di Pollentia ed Augusta Bagiennorum– sono di epoca romana. Vari sono i materiali esposti: ceramica, vetri, laterizi, lucerne, oltre a due epigrafi altoimperiali che mostrano tracce di riutilizzo.

Nelle due sale successive, sono presenti sigilli, laici e religiosi, medaglioni di epoca medievale e moderna, stampe, pitture ad olio ed acquerelli; passando poi all’ambiente successivo, si può ammirare una tavola quattrocentesca della Madonna con Bambino e da una “Giuditta”.

Si giunge, infine, all’ultimo spazio espositivo, in cui è conservata la collezione numismatica: conta circa 12000 pezzi. Una volta terminati lo studio e la catalogazione, quello di Cherasco potrebbe diventare il secondo polo piemontese in ambito monetale, dopo Torino.

Palazzo Gotti di Saleranno, sede del museo

APPROFONDIMENTI E VISITE

Collocato nel seicentesco palazzo Gotti di Saleranno (via dell’Ospedale 40, Cherasco- CN; coordinate Lat. 44°39’9.86″N, Long. 7°51’24.71″E), il percorso museale è aperto alle visite tutti i giorni festivi da marzo a dicembre, dalle ore 9 alle 12 e dalle 15 alle 18; è inoltre possibile visitare il museo in giorni diversi rispetto a quelli d’apertura, previo appuntamento telefonico (contattando l’Ufficio della Cultura e del Turismo cheraschese al numero 0172-427050)

Clicca qui per la mappa